Inclusione sociale

Promuoviamo l’inclusione sociale contro lo stigma dell’ipoacusia

Press Kit
Condividi
Pubblicato il 25 agosto 2020 alle 16:10
Salva la tua copia

Pensa all'ambiente! Stampa la tua copia solo se necessario

type: PDF
size: 0.2 MB

Milano, luglio 2020 – Una nuova Fondazione per sostenere e promuovere la piena inclusione sociale delle persone che si trovano a rischio di marginalizzazione, mettendole nella condizione di raggiungere il proprio potenziale.

È l’obiettivo di Fondazione Amplifon, nata nel gennaio 2020 per consolidare l’impegno sociale del Gruppo Amplifon verso i propri stakeholder e la comunità. Presieduta da Susan Carol Holland, Presidente di Amplifon, ha il suo primo braccio operativo in Maria Cristina Ferradini, Consigliere Delegato della Fondazione.

promuovere l’inclusione sociale di chi vive una condizione di marginalità

Maria Cristina Ferradini

“Fondazione Amplifon ha l’obiettivo di promuovere l’inclusione sociale di tutti quei soggetti che vivono una situazione di fragilità e sono a rischio di marginalizzazione – spiega Maria Cristina Ferradini, General Manager di Fondazione Amplifon - Un particolare focus è rivolto ai giovani con perdite uditive e alle persone anziane, tipicamente soggetti più fragili”.

Le attività della fondazione

L’attività della Fondazione mira ad individuare, sostenere e promuovere iniziative volte al raggiungimento di alcuni importanti obiettivi legati alla rimozione delle barriere che impediscono alle persone di accedere alle opportunità di vita sociale, culturale, ricreativa e lavorativa, con una particolare attenzione alle persone anziane ed alle persone con perdite uditive.

“Vogliamo lavorare, da un lato, per contribuire in maniera concreta e reale a far fronte ad alcune necessità che vengono manifestate da vari soggetti presenti sul territorio – continua Ferradini – dall’altra vogliamo combattere ogni forma di stigma sociale promuovendo una cultura inclusiva a tutti i livelli. Ciò che ci contraddistingue è la capacità di poter rispondere in tempi brevi anche a esigenze improvvise e emergenziali”.

Durante l'emergenza covid-19

L’emergenza COVID-19 ha imposto un hard landing alla Fondazione che ha deciso in tempi rapidissimi di porre in essere un’iniziativa che rispondesse ai bisogni dell’emergenza e della ricostruzione. La Fondazione, infatti, ha aperto una linea di credito a supporto degli acquisti per DPI da parte della Fondazione Ospedale dei Bambini Buzzi di Milano.

“Passata l’emergenza, la Fondazione utilizzerà i fondi stanziati per potenziare e rinnovare gli ambulatori di Otorinolaringoiatria Pediatrica– continua Ferradini – Si tratta di una collaborazione virtuosa per la Fondazione, che vuole imporsi sulla scena nazionale e internazionale come interlocutore attivo e privilegiato sui temi della disabilità, a partire dalla disabilità uditiva”.

L'impegno con la comunità di sant'egidio

Il primo luglio 2020 è partito un altro progetto sostenuto da Fondazione Amplifon e promosso dalla Comunità Sant’Egidio: Anziani Estate 2020. Si tratta di un’attività di supporto dell’assistenza agli anziani di Milano, Roma e Novara. Fondazione Amplifon sostiene, in particolare, un progetto pilota a Milano che coinvolge la popolazione anziana del quartiere Corvetto, alla periferia sud-est. Tra gli obiettivi:

  • Ridurre i rischi legati al caldo
  • Evitare la solitudine degli anziani, specie nel periodo estivo
  • Avvicinare i casi di particolare isolamento ai servizi sociali e agli altri servizi territoriali di quartiere.

Inoltre, attraverso un’attività intensa di conoscenza delle varie realtà, si vuole favorire la domiciliarità e diffondere una cultura del “buon vicinato”, che da una parte rivaluti la figura dell’anziano come una risorsa per l’intera società e incrementi gli scambi intergenerazionali, dall’altra restituisca il senso di una responsabilità collettiva e individuale nel rapporto con i soggetti più deboli, promuovendo forme di protezione sociale, a livello di condominio e di quartiere.

Salva la tua copia

Pensa all'ambiente! Stampa la tua copia solo se necessario

type: PDF
size: 0.2 MB
Condividi
page 1 of 3
Rimaniamo in contatto

Vuoi parlare con noi?

Scrivi una mail al nostro team

Scrivici

Vuoi rimanere aggiornato?

Consulta le ultime news

Leggi

true and false